Archive for the ‘Fava di Carpino’ Category

ITALY ON MY MIND – Paola Bacchia

mercoledì, maggio 31st, 2017

TWO WEEKS IN PUGLIA – PART 2, THE GARGANO

There are parts of the Adriatic coastline that I know very little about; the Gargano Peninsula in the northern part of Puglia was just one example. I had never heard of it and I was even unsure of how to pronounce it (tip: the accent is on the second “a” not on the first one). My friend Joe told me about the Gargano when we met one morning for coffee and cake at the Mediterranean Supermarket in Brunswick. He is from the Gargano and passionate about the area. He described its uniqueness, the beautiful coastline and waters, the towns of Rodi, Vico, Manfredonia, Vieste, Gargano, Peschici and the typical foods that are made there as I took notes. He implored me to try Caciocavallo podolico (a local cheese) and gave me the details of his friend Maria Antonietta who grows the Carpino broad bean (fava bean), which has its own Slow Food Presidium.

We arrived in the Gargano from the south after a week of cooking in Otranto, driving along the coast, past olive groves and artichoke plantations. White walled towns dotted the landscape on our left, and the blue Adriatic Sea was on our right. The Gargano peninsula is often missed by visitors as it is not on the way to anywhere, but a destination in itself. I hope you will see from some of the highlights of my week there that it is well worth getting off the main road and spending time on this beautiful peninsula.

I booked the stunning Villa Manganaro for three of our nights on the Gargano as a base for exploring the southern part: a pink villa built in 1850 sitting among olive trees, with a terrace that has an unimpeded view of the Adriatic Sea. The owner Lucilla told me that the turrets on either side of the entrance were for guards to put their rifles into, to protect the property. Lucilla took us on a tour of the house (as no-one else was staying there at the time) and one of the rooms had black and white hand-painted tiles, all different depicting scenes from Greek mythology – very rare and they were recently individually photographed for a book.

We drove to the town of Vieste, on the tip of the peninsula. It looked like it would be a buzzing town in summer, with sandy beaches and rows of beach clubs. It is well worth walking through the town to get to the coastal view from some of the terraces (the photo at the start of this post is taken from one of these). We ate at Ristorante al Dragone, which is set into a cave. Highlights include squid ink pasta and a hazelnut semifreddo drenched in chocolate that I am still thinking about.

The town of Monte Sant’Angelo is set on a hill, looking out to the southern coast of the Gargano peninsula; be prepared for steep zig-zagging roads to get to it. It is frequently visited by pilgrims, as it is believed that Saint Michael appeared there several times in the 11th century. Although we didn’t spot any angels, there were plenty of priests and somewhat surprisingly, snow, when we drove in. We sought refuge in Ristorante al Medioevo, a restaurant serving traditional dishes with a twist. A highlight was the orecchiette pasta served with lamb, tomatoes and rocket from the Gargano, a particularly peppery salad green with spear-shaped leaves.

The fresh food market in Manfredonia was lively, loud and lots of fun. Sellers took great amusement in the fact that I was taking photos: some yelled at me, others posed and smiled and others just laughed. The produce was fresh and seasonal: there was plenty of fish, greens like broccoli rabe and chicory and bunches of asparagus.

Our next accomodation in the Gargano was in Vico, a medieval village on the other side of Mount Gargano and closer to the Northern coast. We were staying in the historic centre of town, a picturesque spot but it was early in the tourist season and unseasonably cold so quite empty. We took refuge from the cold in the only open restaurant, Osteria da Miky. The owners not only served a huge spread of home made food (we’d only asked for a glass of red wine and a snack), they also sat down for a chat, poured more wine then brought out their homemade liqueur. We were also taken on a tour of the restaurant (which was over several levels) – it has a courtyard that would be just beautiful in summer.

It was clear and warm on the day we drove to Peschici along the northern coast of the Gargano. The coast road had spectacular views and we could almost see the Tremiti Islands from the coast (sadly we couldn’t get there as there were no boats running on that day). Peschici is a gorgeous sunny town with white houses lining the bay, sandy beaches and on the day we were there, there were street stalls in town selling fresh. I bought a caciocavallo (the cheese Joe had been talking me about) from a young man who had opened shop from the back of his van. He was also selling cacioricotta, ricotta and mozzarella; the lady standing next to me told me it was made with the milk from the cows owned by the family, not too far from Peschici.

I went to visit Joe’s friend Maria Antonietta and spent a few hours with her and her husband Michele at their farm at Carpino, learning about the particular fava bean that they grow called Fava di Carpino – a small, delicate bean that is used dry (rather than fresh). Maria Antonietta went into great detail explaining the traditional harvesting method that includes: cutting the plants with a scythe; tying them in bundles to be dried in the sun; then at the festa delle pesature in July, the dried plants are crushed by horses’ hooves, separating the beans, which are then collected, allowing the dried plant to be carried away by the wind. She also made me a plate of fave e cicoria (fava beans and chicory, a vegan and very filling dish that is somewhere between a soup and a puree’), dressed with her own Cannarozzi organic extra virgin olive oil – it was absolutely delicious. She gave me a bottle of oil to take with me (that I used for the rest of the trip – dousing it on everything I prepared in the apartments we were staying) and some dried fava beans so I could make my own fave e cicoria (which I did, to much fanfare from Mark).

Fava Beans and Chicory, a vegan dish

Fave di Carpino 2015

sabato, maggio 23rd, 2015

A breve le nuove Fave di Carpino del 2015 saranno pronte, abbiamo iniziato la mietitura.

Nuove fave 2015 1

Iniziato la mietitura della nuove Fave di Carpino del 2015. www.oliocannarozzi.com

nuove fave 2015

Fave di Carpino. www.oliocannarozzi.com

Assalto alle Fave di Carpino, già finito l’intero raccolto.

domenica, novembre 30th, 2014

 

Presidente Associazione Produttori  Fave di Carino

Presidente Associazione Produttori “Fave di Carpino”,       Maria Antonietta di Viesti   www.oliocannarozzi.com

E’ bastata la notizia che le fave di Carpino fossero in orbita con la prima astronauta italiana Samantha Cristoforetti ed è partito l’assalto. «Ci sono arrivate richieste da tutt’Italia – dice Maria Antonietta Di Viesti, presidente dell’associazione “Fava di Carpino” – il successo è tale che pensiamo a una grande festa della zuppa, da fare qui nel periodo natalizio, con i produttori degli altri legumi portati nella missione spaziale Futura». Anzitutto il cece nero della Murgia barese, l’altro “pugliese” prescelto. Il risultato di tanto interesse è che l’intero raccolto di fave di quest’anno, circa 30 quintali divisi fra cinque produttori garganici (la fava di Carpino è davvero un prodotto di nicchia) è andato esaurito. Non è stato così in passato, perchè la coltivazione della fava, che non a caso è presidio Slow Food, costa davvero fatica.

«Dobbiamo seguire il disciplinare – spiega Maria Antonietta – c’è una procedura precisa, non si improvvisa nulla». Si parte dal seme, che deve essere acquistato da uno dei produttori storici. Dopo l’aratura (l’unica fase eseguita con un mezzo meccanico), c’è la semina. La mietitura è all’inizio dell’estate e deve essere fatta manualmente: «Il baccello – spiega Maria Antonietta – è molto vicino alla radice, nulla come le mani può recuperare il frutto». Poi arriva la fase della pesatura, che l’associazione dei produttori ha trasformato da alcuni anni in un rito, una vera grande festa sull’aia, ma prima «la fava va lasciata sui covoni a seccare – il racconto di Maria Antonietta – poi va schiacciata, quindi liberata dalla paglia e questa operazione viene completata con la pesatura, gettando in aria le fave per togliere gli ultimi frammenti di paglia. E’ necessario farlo con il vento del primo pomeriggio». Tanto lavoro e tanta dedizione dovrebbero spuntare un prezzo altisonante e invece la fava di Carpino viene venduta a non più di 6 euro al chilo. Anche diventare produttori non è semplice: basti pensare che per essere ammessi nelle ristretta cerchia dell’associazione, bisogna seminare la fava a vuoto per tre anni.

«Fino allo scorso anno – dice Maria Antonietta Di Viesti – eravamo in tre, quest’anno si sono aggiunti altri due produttori. Certo la missione spaziale ha sollecitato l’interesse di molti giovani, che propongono tante idee».

Ora si pensa al prossimo anno, perchè questa notorietà… galattica del legume garganico è un tesoretto da gestire al meglio. Se la Argotec (l’azienda torinese che con lo chef Stefano Polato ha preparato il bonus food di Samantha Cristoforetti) sta vendendo on line le zuppe dell’astronauta, a Carpino sono più che intenzionati ad incrementare la semina. Intanto, i fortunati che hanno ancora qualche etto di fave, le gustano nella ricetta classica: in pignata per ore accanto al fuoco del caminetto, con acqua e sale, cipolla rossa, origano selvaggio e un filo d’olio crudo.

 

                               di ANNA LANGONE

www.lagazzettadelmezzogiorno.it

www.oliocannarozzi.com

Per info Sig.ra Maria Antonietta  Cell:  392 11 95 508 

I Top Chef della Puglia in cucina.

domenica, giugno 29th, 2014

Si, le Fave di CARPINO sono una valida alternative alle Proteine Animali.

 

chefs

I Top Chef Pugliesi oggi si sfidano a colpi di fornelli per la preparazione della “Fava di Carpino” www.oliocannarozzi.com

 

Sfida a colpi di fornelli tra i Top Chef della Puglia tra Domenico Cilenti (Porta di Basso – Peschici) e  Simone Biso (Cucina Meridiana – Carpignano Salentino) . Una Festa dove la Fava di Carpino Presidio Slow Food, fa la regina di casa, si sta svolgendo a Carpino in Agriturismo l’Oasi di Michele Cannarozzi una serata di degustazioni ed eventi che si protrarranno fino a tarda notte. Si mette in evidenza i benefici della cucina vegetariana impiegando la “Fava di Carpino” . Ottima ricetta!!!!!!!

 

chef

Lo Chef Salentino Simone Biso alle prese con veggie burger di “Fave di Carpino”. www.oliocannarozzi.com

DOMENICA 29 GIUGNO 2014: LA FESTA DELLA PESATURA DELLE FAVE DI CARPINO

sabato, giugno 21st, 2014

 

PESATURA FAVE

MOMENTI DELLA PESATURA DELLE FAVE DI CARPINO

 

Qui tutti i dettagli della festa:  https://www.facebook.com/events/718647114840331

La Festa dedicata ad uno dei prodotti più rinomati della tradizione gastronomica pugliese: la fava di Carpino, prodotto autoctono e presidio Slow Food. Manifestazione legata all’antica tradizione contadina del luogo che prevede ricche degustazioni enogastronomiche e piatti tipici preparati da 3 chef fra i più famosi della Puglia.

 

L’associazione “Fava di Carpino” in collaborazione con l’Associazioni Culturale Carpino Folk Festival e la Proloco organizza “La Festa della Pesatura delle Fave” che si terrà il Domenica 29 Giugno a Carpino, secondo le antiche tradizioni contadine.

Ore 8:00 Raduno e colazione presso l’azienda Agrituristica L’oasi

Ore 9:00 Camminata attraverso la Piana di Carpino

(abbigliamento consigliato: pantaloni leggeri, maglia a maniche corte, scarpe comode, consigliate quelle da trekking, e cappellino)

Ore 10:30 Arrivo nell’arijë inizio della pesatura secondo le antiche tradizioni

Ore 12:30 Aperitivo/Pranzo alla frescura degli ulivi secolari dell’azienda agrituristica L’oasi

Ore 15:00 Siesta

Ore 17:00 Laboratori didattici e formativi sui legumi di Carpino a cura delle aziende agricole: Cannarozzi M., Di Nunzio, Ortore, Cannarozzi F. e Di Mauro D.

Ore 19:00 Cena – Percorso gustativo e sensoriale a cura delle aziende agricole di Carpino con abbinamenti di vini a cura di Daunia Enoica

Az. Agr. Cannarozzi Michele – crostini con fave e cicoria e con passata di cicerchie

Az. Agr. Ortore Mario – zuppa di fave con origano e cipolla

Az. Agr. Di Nunzio Mario – riso con fave

Az. Agr. Cannarozzi Francesco – fave con zucca

Az. Agr. Di Mauro Domenico – pancotto con fave e patate

Ore 20:00 3 Chef X 3 Legumi – Gli chef rivisitano i legumi (fava, ceci e cicerchie) di Carpino con: Peppe Zullo (Villa Jamele – Orsara di Puglia), Domenico Cilenti (Porta di Basso – Peschici), Simone Biso (Cucina Meridiana – Carpignano Salentino)

Ore 21:00 Teatro in Musica con Lo spettacolo: VOLARE – Io, Domenico Modugno “sogno di un ragazzo del Sud” di e con Nazario Vasciarelli

 

La festa è a numero chiuso (massimo 50 iscritti), la partecipazione comporta una sottoscrizione di € 20,00 a persona

Per Informazioni ed iscrizioni rivolgersi alla Sig,ra Maria Antonietta DI VIESTI  392.1195508

Per le prenotazione POSTEPAY numero della carta: 4023 6006 6049 5963, intestata a Di Viesti Maria Antonietta

Le fave di Carpino sono un Presìdio Slow Food sostenuto dal Parco Nazionale del Gargano.

Qui tutti i dettagli della festa:  https://www.facebook.com/events/718647114840331

In Piazza del Popolo, degustazione “Fave di Carpino”

domenica, novembre 17th, 2013

In Piazza a Carpino  durante la Sagra delle “Fave di Carpino”. La manifestazione ha avuto un gran successo come tutti gli anni ad Agosto. In Azienda sono sempre disponibile  la vendita di fave in sacchetti da 500 grammi;  ricordo inoltre della disponibilità di Olio Extravergine di Oliva Biologico in varie confezioni. Si effettuano spedizioni su tutto il territorio Italiano.

Last August in Carpino down Town, taste of broad beans “Fave di Carpino”.  The event is been a great success as every year in August. At the Farm, are always available on sale the broad beans in bag of 500 grams;  I like remember to You, there is availability of Organic Extra Virgin Olive Oil in different packages. We deliver on all the Italian territory.

Cartellone roll up Fave di Carpino

Degustazione “Fave di Carpino” oliocannarozzi.com

Pentola in coccio di Fave di Carpino

Degustazione “Fave di Carpino” oliocannarozzi.com

Piatto di Fave di Carpino

Degustazione “Fave di Carpino” oliocannarozzi.com

 

Eventi in PIAZZA del POPOLO CARPINO.

In questo periodo, nella prima decade del mese di Agosto, si svolge in piazza il CARPINO FOLK FESTIVAL, evento correlato da tanti altri, tra cui la Sagra delle  “FAVE di CARPINO”. Qui sotto, il link di una serata, si esibisce  il Cantore di Carpino più famoso;  il Maestro Antonio PICCININNO.

 

Azienda Agrituristica Cannarozzi BIT MILANO 2013 da Carpino (Gargano-Puglia)

lunedì, ottobre 28th, 2013

Presentazione della “Fava di Carpino” alla BIT Borsa Internazionale del Turismo di Milano. Maria Antonietta spiega come viene prodotta e cotta.

www.oliocannarozzi.com

www.agriturismoloasi.com